Autonomia, passettino in avanti

Con la Lombardia mercoledì a Roma firmeranno un primo patto con il governo sull’autonomia anche Veneto ed Emilia Romagna. Lo ha riferito il presidente della Regione Roberto Maroni a margine del resoconto di fine legislatura a Palazzo Lombardia. “Firmerò assieme a Zaia e Bonaccini. Le tre regioni che hanno lanciato questa iniziativa”, ha detto Maroni ringraziando poi il Governo “e in particolare il sottosegretario Bressa” che, ha sottolineato “ha avuto coraggio, non era facile”. Mercoledì
“si conclude la ‘fase uno’ del post referendum”, ha aggiunto. Il percorso per
arrivare all’intesa definitiva come spiegato in più occasioni dallo stesso
governatore dovrà proseguire con le prossime legislature, nazionale e regionale, fino ad arrivare alla ‘ratifica’ da parte del Parlamento.

La notizia non è da poco, perché nella cronaca politica dovrebbe essere titolata così: Maroni porta avanti la battaglia per la sopravvivenza. La sua ovviamente. Il referendum lombardo è andato benino, nè un totale flop nè una vittoria: Maroni ha dimostrato di essere in grado di spostare milioni di votanti, per questo ha finito la carriera in bellezza (per chi ci ha creduto che sia finita) e non malamente come Bossi, ignorato dal suo stesso partito. Salvini non ha potuto spazzare via del tutto i maroniani proprio per il risultato del referendum lombardo, come riportato anche dal sito latestata.org. Avendo ottenuto molti voti, non potevano essere cacciati con forza perché in politica contano i voti e la capacità di mobilitare masse. Maroni ha preferito mettersi comunque a riposo, almeno per vedere se davvero i salviniani saranno in grado di ottenere un consenso più ampio su Milano. Oltre a sè stesso il Capitano, come lo chiamano i suoi, ha schierato in prima linea anche Gianmarco Senna, suo uomo di fiducia, come capolista. Il progetto, oltre che cercare di vincere con Attilio Fontana, è di dimostrare che se in Lombardia i referendum leghisti sono andati male sia tutta colpa di Maroni e amici. Per questo Maroni batte ancora sul punto del referendum anche se “per arrivare all’intesa definitiva come spiegato in più occasioni dallo stesso governatore dovrà proseguire con le prossime legislature”. Quindi un altro mezzo successo, forse utile a farlo sopravvivere. O forse no, dipende da quanti voti raccoglieranno Salvini e i suoi.

Un pensiero riguardo “Autonomia, passettino in avanti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...