Dopo mesi la macchina è immersa in un caos immobile

Sono passati mesi, ma la macchina di Regione Lombardia ancora non è partita. Progetti al palo, bandi per il personale elaborati male o in maniera confusa. Polemiche politiche più che azioni pratiche. Attilio da Varese forse non ha i mezzi per gestire un ente così vasto e complesso, forse ha solo bisogno di più tempo per adattarsi. Alcuni riconducono il caos immobile alla gestione di Roberto Maroni: le sue cosìdette innovazioni sarebbero le responsabili del pateracchio attuale. A sostegno di queste voci bisogna ricordare la triste fine dell’autorità anti corruzione rivelatasi inutile e con degli arresti tra i dirigenti che le avevano scritto le linee guida anticorruzione. I processi all’ex governatore lombardo sono stati solo un piccolo segno di una gestione grossolana dei grandi temi di cui si occupa Regione Lombardia: finì infatti nei guai per un viaggio a spese pubbliche di una sua storica collaboratrice. Un gesto che definire grossolano è il minimo: almeno il sindaco Giuseppe Sala si sta vivendo le pesanti accuse con una certa leggerezza, ma visto che sono accuse di aver truccato gli appalti base dell’Expo 2015 può sempre rispondere di aver forzato le regole per un grande risultato. Si presenta dunque un grande uomo, “troppo grande per la Repubblica” citando un vecchio film con Gassmann. Maroni no, nei guai per la segretaria. Piccola storia per un uomo forse meno grande di quanto lui stesso percepisca. Starà ad Attilio Fontana dimostrare di essere abbastanza bravo da trovare l’uscita giusta dalla palude di questo caos immobile.

Nella pancia c’è ancora caos

Tranquillo sembra tranquillo il corpaccione di Regione Lombardia, ma in pancia cova tanti dolori e doloretti. In questi giorni si sta consumando la tragedia greca della spartizione dei posti, ma non parliamo più di assessorati bensì dei posti nei gruppi e gruppuscoli. Ogni gruppo politico infatti ha a disposizione dei fondi per avere uno staff, così come gli assessori e persino i singoli consiglieri. Ci sono partiti come la Lega che decidono ogni singola acquisizione in via Bellerio e altri che lasciano più libertà ai propri eletti. In totale si tratta di decine e decine di incarichi d’oro: lo stipendio anche per l’ultimo dei peones è sopra la media di quelli che troverebbero fuori dalle generose mani pubbliche. E poi i turni di lavoro sono tutto meno che stressanti. Stipendio sicuro, bonus, elargizioni e tutte le comodità di far parte di un’anzienda da oltre 25 miliardi di fatturato e che se va in perdita è coperta dallo Stato.

Non è un caso che chi si infratta lì, poi cerchi (e spesso riesca) a non uscirne più nonostante in teoria si tratti di incarichi temporanei: c’è chi è entrato nel 1994 e non si è più scrostato. La parte più assurda di questo sistema è che chi ci è dentro lo  considera normale. Per questo come piccole formichine operose corrono da un ufficio di potente all’altro per ottenere la benedizione sufficiente a rientrare in paradiso. Non tutto però è possibile, perché sebbene lentamente le cose cambiano anche in Italia. In questo periodo si presentano alcuni problemi causando un’isteria collettiva tra le formichine: il bando per le posizioni di ufficio stampa e affini è stato aperto anche agli esterni (già prima bandivano solo per gli interni, pensate che pagliacciata) e sorpresa sorpresa…gli esterni hanno talmente tante competenze in più da aver sorpassato gli assunti storici. In Regione in molti si sono arrabbiati: gli tocca competere davvero, per di più con persone senza raccomandazioni, ma con le capacità. Per quanto sembri assurdo, in Italia pare inaccettabile. E le formichine impazziscono

Arriva la proclamazione, ma ancora niente assessori

Il toto assessori prosegue, cioè non hanno ancora deciso anche se almeno è arrivata la proclamazione degli eletti. La lotta interna alla maggioranza regionale non è arrivata al dunque. Cronisti bravi e non si lanciano in una continua ricerca dell’ultima voce, puntualmente smentita poco dopo. Però si sa: i giornali escono tutti i giorni. Per questo anche il Corriere della Sera è già tre volte che pubblica due pagine che spiegano la prossima giunta: sanno anche loro che nessuno ricorda quello che è stato pubblicato ieri, figurarsi due giorni fa. E intanto i notisti politici elargiscono favori o stoccate ad amici e nemici, segno che il sogno di un giornalismo con un peso non è ancora tramontato. Qualcuno pensa forse anche al proprio futuro in politica, d’altronde c’è piùdi un giornalista mutatosi in politico. Anche qualche vicedirettore del Corsera, come Massimo Mucchetti: memorabile come alcuni sui ex colleghi lo coccolarono durante la sua prima campagna elettorale. (Felicemente sbarcato al Senato grazie al sostegno di un vero potere forte, è entrato guarda caso con la casacca del Partito democratico). Intanto da via Solferino, dove a quanto pare qualcuno è amico di Fabio Altitonante sono arrivare delle stoccate a gente malvista dall’elite come Silvia Sardone. Nonostante questo la bionda terribile ha un pacco di voti, solo un filo meno di Giulio Gallera il più votato di tutti, e a quanto pare ha resistito. Riccardo De Corato probabilmente ha le lacrime agli occhi perché lo indicano come assessore alla Sicurezza, un paradiso per uno “sceriffo” come lui anche se Regione quella carica vale come il due di picche. Al massimo il quattro se si considera la Protezione civile. Nella Lega, fatto salvo il potente Bolognini, i nomi circolano come le correnti d’aria. I cespugli sperano, mentre non è detto che Fontana riesca a tenere per la propria lista molte deleghe. Di fatto come dicevano all’inizio, non è stata presa nessuna decisione definitiva.

La guerra delle regioni include Sicilia e Lazio

Le avevamo sentite. Ma per ora le avvisaglie dell’aria gelida che tira nella maggioranza che dovrebbe governare Regione Lombardia sono ignorate dai grandi giornali. Eppure ecco un’altra prova: Attilio Fontana e Roberto Maroni si sono ufficialmente passati le consegne, ma nessun ‘big’ di Forza Italia era presente. Tanti leghisti, giustamente felici del risultato elettorale, ma nessun forzista di peso. L’ex sindaco di Varese inizia dunque con un altro schiaffo la sua carriera da governatore lombardo, il sindaco di Milano Giuseppe Sala (per gli amici Beppe) lo ha già preso per i fondelli. Adesso una parte consistente della maggioranza lo ignora. Non deve essere facile, ma può consolarsi: l’effetto delle tensioni romane si sente anche in altre regioni come la Sicilia. Il suo collega Nello Musumeci è stato appena messo in minoranza e ha chiarito di non aver problemi a tornare alle elezioni. La sua maggioranza traballa visto il successo clamoroso del Movimento 5 Stelle nel centro Sud, ma lui non è un giunco come Fontana. E poi viene dichiaratamente da Destra, con una lunga e consolidata storia politica alle spalle. Fontana per le elezioni si è tagliato la barba proprio per cambiare il proprio volto, non solo in senso fisico. Resta il fatto che due delle regioni più importanti del Paese siano bloccate dalle sfide romane, per altro chi potrebbe escludere una maggioranza Lega-5 Stelle anche in Lombardia dove comunque i grillini hanno preso oltre il 20 per cento? Per Berlusconi sarebbe il collasso definitivo. Per Salvini l’ascesa al trono. Intanto però continua la guerra di logoramento dei leader regionali, come hanno capito anche i dalemiani di LeU: non a caso hanno tolto l’appoggio a Nicola Zingaretti, l’unica notizia felice del centro-sinistra alle ultime elezioni. Ma si sa che D’Alema pur di conservare il proprio potere è disposto a veder morire chiunque, quindi si è buttato anche lui verso il gioco dell’ammazza governatore.

Se ne accorgono anche i giornali: Lega a rischio scissione

Fino ad ora sembrava fantapolitica, invece la scissione delle Lega sbarca sui giornali nazionali.

In fondo una scissione c’è già stata: tra la Lega e il Nord, almeno nel simbolo. Era uno dei partiti più antichi d’Italia, quindi era forse inevitabile che cambiasse nome come gli altri. L’originalità della coerenza non sembrava un disvalore, ma per i piani nazionali di Matteo Salvini tutto andava bene.

La scommessa di Matteo il Verde tra l’altro ha premiato eccome: in una mossa ha smacchiato il Giaguaro Berlusconi più di tutti i ‘sinistri’ del Paese. E la Lega per la prima volta è il primo partito della coalizione di centro destra, ma i problemi veri iniziano ora: un conto è soffiare sull’insicurezza legata a un’immigrazione incontrollata, un conto destreggiarsi nei palazzi della politica. Umberto Bossi ha dimostrato di non essere uno sprovveduto, ma è stato assorbito insieme alla prima onda di leghisti che volevano addirittura fare la rivoluzione nordica con le armi. Poi è arrivato Grillo, ma anche lui e i suoi che dovevano spaccare tutto si sono normalizzati. Di Maio gira in doppio petto felice di aver svangato un’esistenza in un modo che fino a pochi anni fa sembrava impossibile. Si parla di responsabilità dalle parti del Movimento 5 Stelle. La decadenza di Roma procede da migliaia di anni, non esiste nemico che possa vincerla.

Ora tocca a Salvini, che però deve anche affrontare la resistenza interna. Altro aspetto endemico in un grande partito. La scissione dalle proprie radici nordiche non è ancora stata digerita da molti leghisti. Inoltre il Nord è governato insieme proprio a Forza Italia, un fattore di forza che gli avversari dei salviniani come Roberto Maroni stanno cercando di far pesare per frenare l’aspirante premier. “Se esageri, possiamo far saltare le regioni” questo il messaggio di Arcore and friends. Salvini però non è uno che si lascia sottomettere, al massimo finge di cedere per poi sferrare colpi mortali come le mantidi. Per ora però lo spettro scissione ritorna e nessuno sembra dispiacersi, in fondo a Forza Italia basta che i non allineati portino via a Salvini un tre-quattro per cento. Ma ci riuscirebbero davvero?

 

Fontana, che botta!

Eccolo, il candidato debole. Pazzesco risultato di Attilio Fontana da Varese. Semisconosciuto sindaco di una città secondaria, ha inflitto al mediatico Giorgio Gori una sconfitta che non si vedeva da tanto tempo. Dal 1995 per la precisione. E meno male che Gori era un buon sindaco: nella sua città la Lega salviniana ha raggiunto il 40 per cento dei consensi.

Ora per i salviniani sono tutti brindisi. Hanno stravinto una competizione importantissima a livello locale, vincendo anche la sfida con Forza Italia a livello nazionale. Berlusconi è ufficialmente pensionato, ora il traino è leghista. L’asse interno tra Forza Italia e Fratelli d’Italia è facile da spezzare anche se gli alleati possono giocarci per mantenere una minima rilevanza.

Sono tutti contenti: Gigi Di Maio è diventato il leader politico più importante del Paese, Salvini ha schiacciato anche il Berlusca e può diventare premier, Giorgia Meloni è ancora viva, Zingaretti mantiene il controllo del Palazzo sul Lazio. L’unico che ha preso solo sberle è Renzi, sbatte i piedi e dà la colpa a Mattarella, i ministri, ecc. Se ne andrà, ma poi. Intanto cicca cicca bum. Non si è mai ripreso dal 4 dicembre.

La preoccupazione strisciante per i soldi e i diritti resta: entrambi i partiti vincitori, Lega e 5Stelle, hanno programmi di forti investimenti pubblici che parrebbero senza alcuna copertura finanziaria, si preannuncia un crack in ogni caso. Ma sono gli stessi esperti che non avevano previsto la crisi finanziaria. Inoltre entrambi hanno al centro del programma anche la sicurezza. E quando si parla di sicurezza di solito si restringono i dritti civili. E quando i governi si orientano in questo modo sul tema, solitamente l’impostazione è conservatrice in tutte le sue diramazioni.

A livello locale il candidato divenuto celebre per la sfortunata frase sulla “razza bianca” stravince e propone una nuova sfida: procederà Maroni con il progetto di scissione interna? Gli conviene andare ai numeri ora che la maglia di ferro salviniana ha sterminato pure il cinghialone di Arcore? Forse attenderà, lo stipendio e la posizione di prestigio l’ha comunque. Potrebbe limitarsi ad osservare, in attesa dei tempi. Forse la butterà sulla cultura.

Lega, Maroni e Grande Nord spine nel fianco

Qualcuno pensava che alla fine si sarebbe allineato senza troppe storie, ma Roberto Maroni non è Umberto Bossi. Non ha procedimenti gravi a carico (qualcosa sì legato a Expo, ma poca roba per uno che è stato ministro degli Interni) nè una lunga storia di famiglia da farsi perdonare. Diamanti in Tanzania compresi. Maroni è un vecchio democristiano che nei Palazzi ha molti amici e non presentarsi alla manifestazione in Duomo organizzata dai Salviniani è un messaggio chiaro. Lui non farà una guerra apertamente, ma non offrirà il suo sostegno né tanto meno i suoi voti che invece è probabile che confluiscano su Grande Nord. La formazione di fuoriusciti leghisti sembrava avere poche speranze e inizialmente è stata snobbata dalla stampa, però è riuscita a raccogliere le firme per presentarsi in molti collegi. Segno che una base c’è. L’odore di Maroni sembra vicino: l’ormai ex governatore lombardo era quello che aveva organizzato la resistenza interna a Bossi proprio con il movimento dei “Barbari sognanti”. Un pezzo della Lega Nord che si proponeva come più “puro” e che per un attimo sembrava aver preso il controllo del partito autonomista dopo la rivoluzione delle scope, il momento in cui la Lega Nord cadde in basso insieme al cerchio magico bossiano e si provò a ripulirla dall’interno. Poi però arrivò Salvini che scippò abilmente il partito ai barbari sognanti trasformandolo in un partito nazionalista e tingendolo di una mano di nero.

Ora sembra che Maroni non abbia intenzione di mettersi proprio di traverso, ma sicuramente non appoggia Salvini. Se davvero i suoi fedelissimi stanno lavorando per Grande Nord, la nuova Lega rischia seriamente di prendere una bastonata alle elezioni dove dovrebbe essere più forte. Già alle comunali milanesi ci si aspettava il botto in termini percentuali e invece fu Forza Italia a raggiungere il 20 per cento dei consensi. E Grande Nord non era ancora arrivata. Inoltre se c’è un posto in cui Salvini è detestato è proprio Milano, città tradizionalmente allergica a un certo modo di politica. Non a caso anche i grillini hanno sempre avuto percentuali risicate. Se anche parte dei leghisti nel segreto dell’urna voteranno chi ha ancora in testa l’autonomia e magari l’indipendenza della Padania, Salvini potrebbe vedere i sorci verdi.

Autonomia, passettino in avanti

Con la Lombardia mercoledì a Roma firmeranno un primo patto con il governo sull’autonomia anche Veneto ed Emilia Romagna. Lo ha riferito il presidente della Regione Roberto Maroni a margine del resoconto di fine legislatura a Palazzo Lombardia. “Firmerò assieme a Zaia e Bonaccini. Le tre regioni che hanno lanciato questa iniziativa”, ha detto Maroni ringraziando poi il Governo “e in particolare il sottosegretario Bressa” che, ha sottolineato “ha avuto coraggio, non era facile”. Mercoledì
“si conclude la ‘fase uno’ del post referendum”, ha aggiunto. Il percorso per
arrivare all’intesa definitiva come spiegato in più occasioni dallo stesso
governatore dovrà proseguire con le prossime legislature, nazionale e regionale, fino ad arrivare alla ‘ratifica’ da parte del Parlamento.

La notizia non è da poco, perché nella cronaca politica dovrebbe essere titolata così: Maroni porta avanti la battaglia per la sopravvivenza. La sua ovviamente. Il referendum lombardo è andato benino, nè un totale flop nè una vittoria: Maroni ha dimostrato di essere in grado di spostare milioni di votanti, per questo ha finito la carriera in bellezza (per chi ci ha creduto che sia finita) e non malamente come Bossi, ignorato dal suo stesso partito. Salvini non ha potuto spazzare via del tutto i maroniani proprio per il risultato del referendum lombardo, come riportato anche dal sito latestata.org. Avendo ottenuto molti voti, non potevano essere cacciati con forza perché in politica contano i voti e la capacità di mobilitare masse. Maroni ha preferito mettersi comunque a riposo, almeno per vedere se davvero i salviniani saranno in grado di ottenere un consenso più ampio su Milano. Oltre a sè stesso il Capitano, come lo chiamano i suoi, ha schierato in prima linea anche Gianmarco Senna, suo uomo di fiducia, come capolista. Il progetto, oltre che cercare di vincere con Attilio Fontana, è di dimostrare che se in Lombardia i referendum leghisti sono andati male sia tutta colpa di Maroni e amici. Per questo Maroni batte ancora sul punto del referendum anche se “per arrivare all’intesa definitiva come spiegato in più occasioni dallo stesso governatore dovrà proseguire con le prossime legislature”. Quindi un altro mezzo successo, forse utile a farlo sopravvivere. O forse no, dipende da quanti voti raccoglieranno Salvini e i suoi.