Il gruppo Mantovani all’attacco di Gallera

Se Giulio Gallera pensava di aver risolto i suoi problemi, si illudeva. Dopo gli attacchi da ogni parte per una riforma sanitaria invisa a tutti, tranne che al mondo indefinibile delle cooperative, si aggiunge un nuovo nemico. Giò Broggi, pasionaria dell’ex assessore alla Sanità lombarda Mario Mantovani, si è lanciata all’attacco via Facebook proprio di Gallera. Una vera e propria chiamata alle armi di tutto il gruppo:

L’assessore alla sanità lombarda ( al momento) sig Giulio Gallera quando viene messo con le spalle al muro Anziché dialogare e aiutare i cittadini malati li blocca , Giulio ,hai 4 gatti che ti seguono ( mi domando dove hai preso gli 11000…voti ) e sei così piccolo da bloccare i cittadini che hanno bisogno di parlare con te, ma non ti vergogni , sai cos’é la salute? No di certo e non solo.
Non sai cos’è la salute sei un ineducato pazzesco. Tranquillo questa volta non farò finta di nulla! Ma non per me ma per tutti i lombardi ! Sei proprio un piccolo “uomo “ raccontate qui sotto le vostre vicissitudini non in privato vi prego , risponderò a tutti ma metteteci la faccia come faccio io ! Altrimenti non me usciamo

La strategia di Gallera in casi come questi è di infilare la testa sotto un elemetto e aspettare che passi la buriana, ma potrebbe non essere così facile. Il clan Mantovani conta migliaia di simpatizzanti, quando uscì di galera Mario ci fu una festa con settemila persone. Se quello di Broggi non è un semplice sfogo, per Gallera potrebbe essere difficile venirne fuori senza ferite. Inoltre adesso tutto il gruppo Mantovani si è spostato in Fratelli d’Italia, quindi non ha obblighi di usare i guanti bianchi. Anzi, far saltare l’assessore alla Sanità potrebbe dimostrare di avere ancora un peso anche in ottica nazionale. Settimane di passione attendono GiulioG.

Sanità, ancora guai per Attilio e Giulio

Nuovi guai nel settore Sanità per la Regione. Attilio da Varese e Giulio Gallera hanno un’altra gatta da pelare. E’ appena stato sgominato l’apice di un traffico di farmaci tra Lombardia, Iran e Iraq. Le agenzie ieri battevano la storia, più simile a un romanzo che alla realtà.

I militari hanno individuato due egiziani e
un cinese che si occupavano della commercializzazione sul
mercato parallelo. Non si conosce la destinazione finale né se
venissero rispettati i protocolli di conservazione sanitaria. Di
sicuro, a detta degli investigatori, in Iran e Iraq arrivava il
Contramal, un oppiode anche chiamato “la droga del combattente”
per la capacità di annullare il dolore.

Invece era un’altra tegola, molto reale. La guerra apre nuove opportunità di business e quella dei farmaci sono tra le più succose: è infatti difficile convincere persone non alterate a spararsi l’un l’altra per più di qualche minuto. Nel frattempo arrivano altri colpi alla struttura che ha guidato Regione Lombardia negli ultimi vent’anni:

La Cassazione ha confermato la condanna a 5 anni di carcere per l’ex consigliere lombardo di FI
Massimo Gianluca Guarischi, imputato per corruzione nel processo su un presunto giro di tangenti nella sanità e accusato di essere l’anello di congiunzione tra imprenditori del settore sanitario, disposti a versare mazzette per ottenere contratti di fornitura, e pubblici ufficiali della Regione Lombardia corrotti
per far approvare delibere di Giunta. In un altro filone dell’inchiesta, coordinata all’epoca a Milano dal pm Claudio Gittardi (ora procuratore a Sondrio), è finito poi imputato Roberto Formigoni, ex governatore lombardo, che avrebbe ottenuto da Guarischi utilità per un totale di 447mila euro per assicurare un “trattamento preferenziale” alla Hermex Italia dell’imprenditore Giuseppe Lo Presti nelle gare per la fornitura “dell’apparecchiatura diagnostica acceleratore lineare ‘Vero'” in alcuni ospedali, dandosi da fare nel 2012 per sbloccare stanziamenti regionali. Questo processo è stato di recente trasmesso a Cremona.

Fontana e l’imbarazzo di Forza Italia per il caso Sardone

Forza Italia si autosilura e il neo presidente Attilio Fontana subisce. Il governatore lombardo deve infatti subire il primo attacco per colpa dei suoi stessi alleati: forte del sostegno di una Lega forte come non mai, sta assorbendo i colpi che arrivano dalla grande esclusa Silvia Sardone. La bionda che era riuscita a farsi notare dallo stesso Silvio Berlusconi quando era una semplice consigliera di zona ha preso 11mila preferenze. La donna più votata delle regionali e la seconda candidata più votata in assoluto dopo Giulio Gallera però non ha un posto in giunta. In un’intervista rilasciata ad Alberto Giannoni del Giornale, Sardone si dichiara delusa, ma non abbastanza per rompere del tutto con il suo partito di riferimento. Nel finale però apre uno spiraglio a possibili addii. A differenza di Viviana Beccalossi, fuoriuscita da Fratelli d’Italia subito dopo essere stata eletta, Sardone si è fidata del partito e delle ricostruzioni giornalistiche. Non sapeva però che i suoi nemici interni erano ben peggiori di quelli esterni: pare infatti che sia stato il suo stesso partito a rinunciare ad un assessorato pur di non vedere Sardone in una posizione di rilievo. Una decisione che pare assurda, soprattutto visto il non brillante risultato raccolto alle elezioni nazionali. Eppure è successo, forse proprio per il clamoroso risultato: con quei voti si può persino diventare parlamentare europeo. La paura dei suoi colleghi di trovarsela tra i papabili per un ministero al prossimo giro ha fatto più di novanta e si è optato per essere più deboli nella nuova giunta. Attilio Fontana l’avrebbe anche avuta volentieri in squadra, ma ha dovuto piegarsi alla surreale richiesta dei suoi stessi alleati. Ora Sardone ha poche scelte: o subire lo smacco senza reagire, oppure dirigersi verso altri lidi basandosi sulla certezza che i voti li ha presi sul territorio e non con la bandiera di partito. La Lega salviniana sarebbe ben lieta di accoglierla visto che i suoi candidati non hanno preso nemmeno lontanamente quei voti, oltrettutto Sardone non ha avuto un budget alto come quello di molti suoi colleghi, discorso che alla Lega nei guai economici di questi tempi potrebbe interessare molto: con pochi soldi porta tanti voti, se il partito non ha soldi è la candidata ideale. Per una formazione poi in cui le donne di peso scarseggiano. C’è anche l’opzione Fratelli d’Italia che sarebbe anche più consona a parte del gruppo sardoniano, ma adesso la tigrotta del quartiere Adriano è ferita e non è detto che ragioni con freddezza calcolatrice. Attilio da Varese intanto subisce.

La guerra delle regioni include Sicilia e Lazio

Le avevamo sentite. Ma per ora le avvisaglie dell’aria gelida che tira nella maggioranza che dovrebbe governare Regione Lombardia sono ignorate dai grandi giornali. Eppure ecco un’altra prova: Attilio Fontana e Roberto Maroni si sono ufficialmente passati le consegne, ma nessun ‘big’ di Forza Italia era presente. Tanti leghisti, giustamente felici del risultato elettorale, ma nessun forzista di peso. L’ex sindaco di Varese inizia dunque con un altro schiaffo la sua carriera da governatore lombardo, il sindaco di Milano Giuseppe Sala (per gli amici Beppe) lo ha già preso per i fondelli. Adesso una parte consistente della maggioranza lo ignora. Non deve essere facile, ma può consolarsi: l’effetto delle tensioni romane si sente anche in altre regioni come la Sicilia. Il suo collega Nello Musumeci è stato appena messo in minoranza e ha chiarito di non aver problemi a tornare alle elezioni. La sua maggioranza traballa visto il successo clamoroso del Movimento 5 Stelle nel centro Sud, ma lui non è un giunco come Fontana. E poi viene dichiaratamente da Destra, con una lunga e consolidata storia politica alle spalle. Fontana per le elezioni si è tagliato la barba proprio per cambiare il proprio volto, non solo in senso fisico. Resta il fatto che due delle regioni più importanti del Paese siano bloccate dalle sfide romane, per altro chi potrebbe escludere una maggioranza Lega-5 Stelle anche in Lombardia dove comunque i grillini hanno preso oltre il 20 per cento? Per Berlusconi sarebbe il collasso definitivo. Per Salvini l’ascesa al trono. Intanto però continua la guerra di logoramento dei leader regionali, come hanno capito anche i dalemiani di LeU: non a caso hanno tolto l’appoggio a Nicola Zingaretti, l’unica notizia felice del centro-sinistra alle ultime elezioni. Ma si sa che D’Alema pur di conservare il proprio potere è disposto a veder morire chiunque, quindi si è buttato anche lui verso il gioco dell’ammazza governatore.

Seggi a rischio, il Corriere se ne accorge

Se ne accorge anche il Corriere delle Sera. La questione dei voti mancanti sta mettendo in agitazione la corsa alle poltrone perché non tutti sono sicuri di aver davvero assicurato il futuro. Oggi come oggi la lista è quella uscita dopo pochi giorni, ma in molti hanno un problema reale: se saltassero all’ultimo non avrebbero più dove andare. Diversi politici non hanno infatti reali competenze, o non hanno mai lavorato veramente. Dunque se restano senza poltrona diventerebbero disoccupati senza titoli e prima dei prossimi giri elettorali (per le europee ci vogliono migliaia di voti) ne passerà di tempo.

regioneSenesi

Intanto prosegue la guerra degli assessorati: la minaccia attuale è di ridurre a 14 i membri della giunta. Due posti in meno non sono pochi, soprattutto se è vero che la Lega ne vuole otto. Gli alleati, tra cui i forzisti come Giulio Gallera e Silvia Sardone, hanno preso decine di migliaia di voti e non possono essere ignorati. Allo stesso tempo la rilevanza della Lega come gruppo è indiscutibile, ma non bisogna dimenticare gli alleati come Fratelli d’Italia e i cespugli. Sei posti non sono pochi, ma sempre meno di otto. Questo non può fare altro che acuire ancora le tensioni.