Nella pancia c’è ancora caos

Tranquillo sembra tranquillo il corpaccione di Regione Lombardia, ma in pancia cova tanti dolori e doloretti. In questi giorni si sta consumando la tragedia greca della spartizione dei posti, ma non parliamo più di assessorati bensì dei posti nei gruppi e gruppuscoli. Ogni gruppo politico infatti ha a disposizione dei fondi per avere uno staff, così come gli assessori e persino i singoli consiglieri. Ci sono partiti come la Lega che decidono ogni singola acquisizione in via Bellerio e altri che lasciano più libertà ai propri eletti. In totale si tratta di decine e decine di incarichi d’oro: lo stipendio anche per l’ultimo dei peones è sopra la media di quelli che troverebbero fuori dalle generose mani pubbliche. E poi i turni di lavoro sono tutto meno che stressanti. Stipendio sicuro, bonus, elargizioni e tutte le comodità di far parte di un’anzienda da oltre 25 miliardi di fatturato e che se va in perdita è coperta dallo Stato.

Non è un caso che chi si infratta lì, poi cerchi (e spesso riesca) a non uscirne più nonostante in teoria si tratti di incarichi temporanei: c’è chi è entrato nel 1994 e non si è più scrostato. La parte più assurda di questo sistema è che chi ci è dentro lo  considera normale. Per questo come piccole formichine operose corrono da un ufficio di potente all’altro per ottenere la benedizione sufficiente a rientrare in paradiso. Non tutto però è possibile, perché sebbene lentamente le cose cambiano anche in Italia. In questo periodo si presentano alcuni problemi causando un’isteria collettiva tra le formichine: il bando per le posizioni di ufficio stampa e affini è stato aperto anche agli esterni (già prima bandivano solo per gli interni, pensate che pagliacciata) e sorpresa sorpresa…gli esterni hanno talmente tante competenze in più da aver sorpassato gli assunti storici. In Regione in molti si sono arrabbiati: gli tocca competere davvero, per di più con persone senza raccomandazioni, ma con le capacità. Per quanto sembri assurdo, in Italia pare inaccettabile. E le formichine impazziscono

Il caso Sardone scuote ancora Forza Italia

Nelle interviste Silvia Sardone si è dichiarata disponibile a restare in Forza Italia, ma ha chiesto spiegazioni. Ora scende in campo anche Roberto Di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni e marito della neo consigliera regionale. La decisione di non nominarla assessore sembra partita proprio dal partito di Silvio Berlusconi. Parrebbe un paradosso, ma un vecchio adagio di Forza Italia è “qui si muore di fuoco amico”, perché le carriere di solito sono terminate per gli attacchi di qualche compagno di partito. Raramente per quelli esterni. Adesso si ripete la storia su Sardone, ma lei oltre ad avere 11mila voti è anche la moglie di Di Stefano che è riuscito nel piccolo grande miracolo di strappare Sesto alla sinistra. E la roccaforte rossa è caduta anche per merito dell’impegno di entrambi i coniugi.
“Una decisione incomprensibile. Peggio del miglior Tafazzi. Una sberla in faccia a chi, come me e molti altri volti nuovi di Forza Italia, si impegnano e lavorano per cercare di evitare che il nostro movimento continui a perdere consenso. Quando abbiamo conquistato la Stalingrado d’Italia, dopo oltre 70 anni ininterrotti di governo di sinistra, in tanti si erano affrettati a salire sul carro del vincitore. Invece oggi Silvia Sardone, che tanto ha lavorato con me per quella vittoria e in questi anni nelle periferie di Milano, viene punita a discapito del merito, nonostante gli 11 mila voti presi alle elezioni regionali ”.
Così, a mente fredda, Roberto di Stefano, sindaco di Sesto San Giovanni, interviene sull’esclusione di Silvia Sardone dalla Giunta regionale lombarda da parte di Forza Italia che domani mattina si riunirà con gli eletti in Consiglio regionale per individuare i nuovi assetti e chi andrà a ricoprire le cariche di Presidente del Consiglio e capogruppo..
“Condivido pienamente – conclude Di Stefano – l’analisi del governatore della Liguria, Giovanni Toti, e dico che se Forza Italia non abbandonerà un modo di ragionare basato sull’escludere chi ha consenso sul territorio rischia l’estinzione. Sono inoltre d’accordo con l’euro parlamentare Lara Comi che con un tweet odierno esprime la necessità per Forza Italia, esprimendo vicinanza a Silvia Sardone, di ripartire dal territorio, da persone che rispondano sempre agli elettori e ai cittadini. Credo non sia più possibile vedere un partito che favorisce i nominati e mette da parte chi da anni lavora sul territorio con ottimi risultati”

Fontana e l’imbarazzo di Forza Italia per il caso Sardone

Forza Italia si autosilura e il neo presidente Attilio Fontana subisce. Il governatore lombardo deve infatti subire il primo attacco per colpa dei suoi stessi alleati: forte del sostegno di una Lega forte come non mai, sta assorbendo i colpi che arrivano dalla grande esclusa Silvia Sardone. La bionda che era riuscita a farsi notare dallo stesso Silvio Berlusconi quando era una semplice consigliera di zona ha preso 11mila preferenze. La donna più votata delle regionali e la seconda candidata più votata in assoluto dopo Giulio Gallera però non ha un posto in giunta. In un’intervista rilasciata ad Alberto Giannoni del Giornale, Sardone si dichiara delusa, ma non abbastanza per rompere del tutto con il suo partito di riferimento. Nel finale però apre uno spiraglio a possibili addii. A differenza di Viviana Beccalossi, fuoriuscita da Fratelli d’Italia subito dopo essere stata eletta, Sardone si è fidata del partito e delle ricostruzioni giornalistiche. Non sapeva però che i suoi nemici interni erano ben peggiori di quelli esterni: pare infatti che sia stato il suo stesso partito a rinunciare ad un assessorato pur di non vedere Sardone in una posizione di rilievo. Una decisione che pare assurda, soprattutto visto il non brillante risultato raccolto alle elezioni nazionali. Eppure è successo, forse proprio per il clamoroso risultato: con quei voti si può persino diventare parlamentare europeo. La paura dei suoi colleghi di trovarsela tra i papabili per un ministero al prossimo giro ha fatto più di novanta e si è optato per essere più deboli nella nuova giunta. Attilio Fontana l’avrebbe anche avuta volentieri in squadra, ma ha dovuto piegarsi alla surreale richiesta dei suoi stessi alleati. Ora Sardone ha poche scelte: o subire lo smacco senza reagire, oppure dirigersi verso altri lidi basandosi sulla certezza che i voti li ha presi sul territorio e non con la bandiera di partito. La Lega salviniana sarebbe ben lieta di accoglierla visto che i suoi candidati non hanno preso nemmeno lontanamente quei voti, oltrettutto Sardone non ha avuto un budget alto come quello di molti suoi colleghi, discorso che alla Lega nei guai economici di questi tempi potrebbe interessare molto: con pochi soldi porta tanti voti, se il partito non ha soldi è la candidata ideale. Per una formazione poi in cui le donne di peso scarseggiano. C’è anche l’opzione Fratelli d’Italia che sarebbe anche più consona a parte del gruppo sardoniano, ma adesso la tigrotta del quartiere Adriano è ferita e non è detto che ragioni con freddezza calcolatrice. Attilio da Varese intanto subisce.

Gli eletti (per ora) in Lombardia e chi rischia il posto

Di seguito l’elenco degli eletti nel consiglio regionale lombardo, compresi quelli che rischiano il posto. Manfredi Palmeri e uno di Fratelli d’Italia sono tra questi. E ancora non si tiene conto dei 14mila di cui ha parlato Goolem.net e che anche Affaritaliani.it ha raccontato in un articolo. La notizia è questa: mancano 24 verbali di sezione con i voti delle regionali, mediamente ci sono 700 voti per sezione, quindi sono circa 14mila voti che non si trovano. Non sono bruscolini, anzi: potrebbero causare una modifica sostanziale degli eletti, sempre che non salti proprio il banco. Per legge tutti i verbali devono essere consegnati a due depositi, uno presso la Corte d’Appello territoriale che certifica e proclama gli eletti; l’altro in un deposito comunale dove qualunque cittadino può chiedere di prendere visione, ma anche di avere copia, di un qualunque verbale. Questa volta però i verbali mancano. I funzionari del Comune non hanno potuto fare altro che spiegare che non gli sono arrivati: “Non li abbiamo”, hanno affermato sconsolati. “Per legge dovrebbero esserci, ma non li abbiamo”. Nessuno può dunque certificare legalmente le elezioni. Come finirà per Attilio Fontana?

LEGA – Malanchini Giovanni Francesco; Anelli Roberto; Galizzi Alex; Mazzoleni
Monica; Rolfi Fabio; Massardi Floriano; Ghiroldi Francesco Paolo; Epis
Federica; Turba Fabrizio; Spelzini Gigliola; Lena Federico; Nogara Flavio;
Foroni Pietro; Cappellari Alessandra; Senna Gianmarco; Bastoni Massimiliano;
Trezzani Curzio; Scurati Silvia; Giudici Simone; Monti Andrea; Corbetta
Alessandro; Mariani Marco Maria; Mura Roberto Giovanni Mario; Sertori
Massimo; Brianza Francesca Attilia; Monti Emanuele; Colombo Marco.
FORZA ITALIA – Franco Paolo; Mattinzoli Alessandro; Tironi Simona; Turba
Fabrizio; Fermi Alessandro; Piazza Mauro; Gallera Giulio; Sardone Silvia;
Comazzi Gianluca; Altitonante Fabio; Sala Fabrizio; Romeo Paola; Invernizzi
Ruggero Armando; Palumbo Angelo.
FDI – Magoni Lara; Beccalossi Viviana; De Corato Riccardo.
NOI CON L’ITALIA – Del Gobbo Luca.
ENERGIE PER LA LOMBARDIA – Palmeri Manfredi.
LISTA FONTANA PRESIDENTE – Basaglia Cosentino Giacomo.
PARTITO DEMOCRATICO – Scandella Jacopo; Girelli Gian Antonio; Orsenigo Angelo
Clemente; Piloni Matteo; Straniero Raffaele; Baffi Patrizia; Forattini
Antonella; Bussolati Pietro; Borghetti Carlo; Pizzul Fabio; Rozza Carmela;
Bocci Paola; Ponti Pietro; Villani Giuseppe; Astuti Samuele.
LISTA GORI PRESIDENTE – Carretta Niccolò; Strada Elisabetta.
MOVIMENTO 5 STELLE – Violi Dario; Alberti Ferdinando; Erba Raffaele; Degli
Angeli Marco; Fiasconaro Andrea; De Rosa Massimo Felice; Forte Monica; Mammi’
Consolato; Piccirillo Luigi; Di Marco Nicola; Fumagalli Marco; Verni Simone;
Cenci Roberto.