Tatarella: dai Sardone molla il colpo

La corrente Bestetti, Tatarella, Altitonante torna a farsi sentire. Dopo l’intervento di Marco Bestetti sul profilo Facebook di Bruno Dapei ecco prendere di punta la questione Sardone anche Tatarella. E’ uno dei giovani trombati all’ultimo giro, non a caso il vecchio squalo Altitonante avendo sentito puzza di bruciato ha preferito ricandidarsi in regione e non per il parlamento dove ha lasciato correre Tatarella. Pietro il bravo ragazzo si è sacrificato e ero interviene per sedare la questione Sardone, anche perché un rimescolamento delle carte in giunta potrebbe causare dei danni proprio ad Altitonante che è riuscito ad avere un sottosegretariato pesante come quello alle aree Expo. Zero soldi, ma un tema importante che permette di restare sotto i riflettori all’occorenza. Ecco dunque che Pietro il bravo ragazzo prende di punta la questione raccontando di come lui stesso sia stato maltrattato dal partito. Invece di essere solidale il messaggio è: visto che funziona così, rassegnati pure tu.

Nel 2016 presi 5512 preferenze in Consiglio Comunale. Un risultato stratosferico che mi rende ancora oggi orgoglioso per la dimostrazione di affetto e di stima ricevuta. Terzo dietro solo a big nazionali come Gelmini e Salvini. Poi il Parlamento vota una legge elettorale con i collegi uninominali e uno di questi sembrava cucito su misura per me: il collegio di Baggio, il mio quartiere! Il Partito mi aveva prospettato una candidatura per la Camera dei Deputati proprio in quel collegio. La candidatura non arrivò o meglio arrivò una candidatura di servizio in una posizione ineleggibile sulla lista proporzionale. Il giorno della chiusura delle liste fu un giorno molto brutto per me perché ero e sono tutt’ora convinto che avrei meritato quel posto. Delusione e rabbia presero il sopravvento, ma poi ho pensato in questi 13 anni di militanza politica a quante volte ho visto scelte non sempre logiche che hanno penalizzato tanti colleghi e mi sono detto che vale comunque la pena andare avanti e imparare anche dalle delusioni. In fondo credo sia corretto e umano avere ambizioni personali anche in politica, ma non possiamo pensare che tutto si riduca a questo perché si corre il rischio di dimenticare il vero valore della Politica e il concetto di bene comune! Silvia Sardone capisco bene la tua delusione e so perfettamente come ti senti, ma ora è il momento di mettere un punto e andare a capo.

Difficile però che la bionda terribile accetti il consiglio, in questi anni si è formata battendo i marciapiedi. Il carattere si è indurito e ora con i voti pure la fiducia in sè stessa.

Se ne accorgono anche i giornali: Lega a rischio scissione

Fino ad ora sembrava fantapolitica, invece la scissione delle Lega sbarca sui giornali nazionali.

In fondo una scissione c’è già stata: tra la Lega e il Nord, almeno nel simbolo. Era uno dei partiti più antichi d’Italia, quindi era forse inevitabile che cambiasse nome come gli altri. L’originalità della coerenza non sembrava un disvalore, ma per i piani nazionali di Matteo Salvini tutto andava bene.

La scommessa di Matteo il Verde tra l’altro ha premiato eccome: in una mossa ha smacchiato il Giaguaro Berlusconi più di tutti i ‘sinistri’ del Paese. E la Lega per la prima volta è il primo partito della coalizione di centro destra, ma i problemi veri iniziano ora: un conto è soffiare sull’insicurezza legata a un’immigrazione incontrollata, un conto destreggiarsi nei palazzi della politica. Umberto Bossi ha dimostrato di non essere uno sprovveduto, ma è stato assorbito insieme alla prima onda di leghisti che volevano addirittura fare la rivoluzione nordica con le armi. Poi è arrivato Grillo, ma anche lui e i suoi che dovevano spaccare tutto si sono normalizzati. Di Maio gira in doppio petto felice di aver svangato un’esistenza in un modo che fino a pochi anni fa sembrava impossibile. Si parla di responsabilità dalle parti del Movimento 5 Stelle. La decadenza di Roma procede da migliaia di anni, non esiste nemico che possa vincerla.

Ora tocca a Salvini, che però deve anche affrontare la resistenza interna. Altro aspetto endemico in un grande partito. La scissione dalle proprie radici nordiche non è ancora stata digerita da molti leghisti. Inoltre il Nord è governato insieme proprio a Forza Italia, un fattore di forza che gli avversari dei salviniani come Roberto Maroni stanno cercando di far pesare per frenare l’aspirante premier. “Se esageri, possiamo far saltare le regioni” questo il messaggio di Arcore and friends. Salvini però non è uno che si lascia sottomettere, al massimo finge di cedere per poi sferrare colpi mortali come le mantidi. Per ora però lo spettro scissione ritorna e nessuno sembra dispiacersi, in fondo a Forza Italia basta che i non allineati portino via a Salvini un tre-quattro per cento. Ma ci riuscirebbero davvero?

 

Fontana, che botta!

Eccolo, il candidato debole. Pazzesco risultato di Attilio Fontana da Varese. Semisconosciuto sindaco di una città secondaria, ha inflitto al mediatico Giorgio Gori una sconfitta che non si vedeva da tanto tempo. Dal 1995 per la precisione. E meno male che Gori era un buon sindaco: nella sua città la Lega salviniana ha raggiunto il 40 per cento dei consensi.

Ora per i salviniani sono tutti brindisi. Hanno stravinto una competizione importantissima a livello locale, vincendo anche la sfida con Forza Italia a livello nazionale. Berlusconi è ufficialmente pensionato, ora il traino è leghista. L’asse interno tra Forza Italia e Fratelli d’Italia è facile da spezzare anche se gli alleati possono giocarci per mantenere una minima rilevanza.

Sono tutti contenti: Gigi Di Maio è diventato il leader politico più importante del Paese, Salvini ha schiacciato anche il Berlusca e può diventare premier, Giorgia Meloni è ancora viva, Zingaretti mantiene il controllo del Palazzo sul Lazio. L’unico che ha preso solo sberle è Renzi, sbatte i piedi e dà la colpa a Mattarella, i ministri, ecc. Se ne andrà, ma poi. Intanto cicca cicca bum. Non si è mai ripreso dal 4 dicembre.

La preoccupazione strisciante per i soldi e i diritti resta: entrambi i partiti vincitori, Lega e 5Stelle, hanno programmi di forti investimenti pubblici che parrebbero senza alcuna copertura finanziaria, si preannuncia un crack in ogni caso. Ma sono gli stessi esperti che non avevano previsto la crisi finanziaria. Inoltre entrambi hanno al centro del programma anche la sicurezza. E quando si parla di sicurezza di solito si restringono i dritti civili. E quando i governi si orientano in questo modo sul tema, solitamente l’impostazione è conservatrice in tutte le sue diramazioni.

A livello locale il candidato divenuto celebre per la sfortunata frase sulla “razza bianca” stravince e propone una nuova sfida: procederà Maroni con il progetto di scissione interna? Gli conviene andare ai numeri ora che la maglia di ferro salviniana ha sterminato pure il cinghialone di Arcore? Forse attenderà, lo stipendio e la posizione di prestigio l’ha comunque. Potrebbe limitarsi ad osservare, in attesa dei tempi. Forse la butterà sulla cultura.

Unicef contro Massimo Pagani (lista Fontana)

Altra tegola per Attilio Fontana. L’Unicef e altre organizzazioni umanitarie chiedono le dimissioni di Massimo Pagani. Una nomina che a loro dire sarebbe irregolare.

Massimo Paganinominato tre anni fa dalla maggioranza del Consiglio regionale, ha manifestato fin dall’inizio inadeguatezza rispetto al ruolo affidatagli mantenendosi inerte per i primi due anni e convocando la Consulta, prevista dalla legge regionale istitutiva del Garante, solo nell’ultimo anno senza darle la possibilità di lavorare in tutte le commissioni tematiche nonostante le continue sollecitazioni ricevute.

In questo scenario di scarso e discontinuo funzionamento di un organismo fondamentale per la promozione e la difesa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza come previsto dalla Convenzione ONU, legge 176 dello Stato Italiano, si è aggiunta una situazione di grave preoccupazione.

Massimo Pagani è candidato nella lista regionale per Fontana Presidente e ciò è del tutto incompatibile con il ruolo di authority e con il Regolamento Elettorale della Regione Lombardia che indica con chiarezza il Garante tra le persone ineleggibili.

Chiediamo quindi le immediate dimissioni di Massimo Pagani dal suo ruolo di garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Chiediamo inoltre di essere ascoltati dal Presidente del Consiglio Regionale, affinchè in futuro nella nomina di una figura di garanzia così importante prevalgano gli interessi degli under 18.

Lega, Maroni e Grande Nord spine nel fianco

Qualcuno pensava che alla fine si sarebbe allineato senza troppe storie, ma Roberto Maroni non è Umberto Bossi. Non ha procedimenti gravi a carico (qualcosa sì legato a Expo, ma poca roba per uno che è stato ministro degli Interni) nè una lunga storia di famiglia da farsi perdonare. Diamanti in Tanzania compresi. Maroni è un vecchio democristiano che nei Palazzi ha molti amici e non presentarsi alla manifestazione in Duomo organizzata dai Salviniani è un messaggio chiaro. Lui non farà una guerra apertamente, ma non offrirà il suo sostegno né tanto meno i suoi voti che invece è probabile che confluiscano su Grande Nord. La formazione di fuoriusciti leghisti sembrava avere poche speranze e inizialmente è stata snobbata dalla stampa, però è riuscita a raccogliere le firme per presentarsi in molti collegi. Segno che una base c’è. L’odore di Maroni sembra vicino: l’ormai ex governatore lombardo era quello che aveva organizzato la resistenza interna a Bossi proprio con il movimento dei “Barbari sognanti”. Un pezzo della Lega Nord che si proponeva come più “puro” e che per un attimo sembrava aver preso il controllo del partito autonomista dopo la rivoluzione delle scope, il momento in cui la Lega Nord cadde in basso insieme al cerchio magico bossiano e si provò a ripulirla dall’interno. Poi però arrivò Salvini che scippò abilmente il partito ai barbari sognanti trasformandolo in un partito nazionalista e tingendolo di una mano di nero.

Ora sembra che Maroni non abbia intenzione di mettersi proprio di traverso, ma sicuramente non appoggia Salvini. Se davvero i suoi fedelissimi stanno lavorando per Grande Nord, la nuova Lega rischia seriamente di prendere una bastonata alle elezioni dove dovrebbe essere più forte. Già alle comunali milanesi ci si aspettava il botto in termini percentuali e invece fu Forza Italia a raggiungere il 20 per cento dei consensi. E Grande Nord non era ancora arrivata. Inoltre se c’è un posto in cui Salvini è detestato è proprio Milano, città tradizionalmente allergica a un certo modo di politica. Non a caso anche i grillini hanno sempre avuto percentuali risicate. Se anche parte dei leghisti nel segreto dell’urna voteranno chi ha ancora in testa l’autonomia e magari l’indipendenza della Padania, Salvini potrebbe vedere i sorci verdi.